FotografiaGuide e tutorial

Cosa portare in viaggio? Consigli sulla fotografia di viaggio

Molti si avvicinano alla fotografia proprio grazie alle vacanze. La fotografia di viaggio è proprio una delle branche più  battute dai neofiti. Quando stiamo per partire nasce in tutti un grande dubbio: cosa devo portarmi?

Il primo problema nasce con le valige, in particolar modo se dobbiamo prendere un volo. Vediamo come organizzarci al meglio per la fotografia di viaggio.

Di cosa ho realmente bisogno?

Cerchiamo sempre di immaginare quello che sarà il nostro viaggio. Andiamo in capitali europee, partiamo per un safari in Africa, o cos’altro? Ovviamente ogni meta ha le sue caratteristiche quindi sapremo cosa portare e cosa lasciare a casa.

Fatto questo sapremo già che tipo di lenti ci saranno più utili. Ad esempio, sicuramente un 35mm in un safari è utile quanto un frigorifero al polo nord! Armiamoci dunque di teleobiettivi e già togliamo una bella fetta di lenti e di peso dal nostro zaino.

È proprio sul peso che voglio spostare la vostra attenzione perchè le giornate di vacanza probabilmente si svolgeranno in questo modo:

  • Probabilmente le camminate non mancheranno!
  • Ogni giorno gli spostamenti sono assicurati. Difficilmente si farà ritorno all’hotel.
  • Sarà necessario tenere con se, e addosso, la fotocamera.
  • Si dev’essere pronti per poter fare le foto, quindi bisogna esser pronti per cogliere l’attimo.

Perciò dovremo stare leggeri prestando attenzione a come distribuiamo il peso, ma soprattutto bilanciare il tutto nella maniera più corretta possibile per essere rapidi.

Gli obiettivi.

Come già accennato immaginiamoci la vacanza e facciamo una cernita delle lenti da portare con se. Sicuramente i tuttofare aiutano il fotografo di viaggio, tuttavia la qualità della lente sarà inevitabilmente più bassa di un fisso.

Dunque la miglior scelta è affidarsi ad un buon tuttofare, i classici 24-70 o 24-105 aiutano molto. È anche vero però che partendo con una o due lenti fisse ci autolimitiamo e perciò siamo poi obbligati ad usare quelle per far foto. Quindi un buon 24mm, e/o un 35mm (soprattutto per i viaggi nelle capitali), sono altamente consigliati!

Zaini.

Sono sicuramente i migliori amici del fotografo viaggiatore. Sul mercato se ne trovano a bizzeffe, ma il consiglio che posso dispensare si articola su tre fronti:

  • Prestate attenzione alle dimensioni. Quando comprate uno zaino le dimensioni sono importantissime perchè potrebbe essere perfetto per passare come bagaglio a mano in aeroporto, oppure potrebbe essere preso e lanciato nella stiva. Fate voi…
  • Attenzione alla capienza. Meglio avere una tasca in più piuttosto che una tasca in meno, tuttavia, attenzione ai finti zaini capienti. In commercio se ne trovano molti che sono grossi, a volte enormi, ma dedicano solo la parte inferiore al comporto fotografico. Il resto sono solo cerniere o tasche inutili.
  • Resistenza, apertura ed impermeabilità. Tre elementi importantissimi. Molti zaini hanno l’apertura sullo schienale per evitare i forti, o per agevolare il cambio lenti. Vogliamo parlare di resistenza? Io non affiderei mai ad uno zaino fragile e scadenze le migliaia di euro di attrezzatura che ho accumulato col tempo e con sacrifici. L’impermeabilità invece è un altro fattore determinante e purtroppo non tutti gli zaini ne beneficiano… Pensateci bene in fase d’acquisto.

Qua sotto lascio alcuni modelli da Amazon che secondo me meritano di essere acquistati. Se volete spendere il giusto prezzo avendo tanta qualità leggi la recensione dello zaino amazon basics.

Borse a tracolla e monospalla.

Per il fotografo meno esigente con poca attrezzatura e che vuol viaggiare veramente leggero ecco le soluzioni.

Ne esistono sia di piccole, che molto più grandi e ingombranti. Tutto dipenderà dall’ attrezzatura che si vuol portare con se. Sicuramente sono molto più leggere e pratiche, e guardando al portafoglio, costano meno!
Nel caso in cui la vostra vacanza preveda delle lunghe camminate e avete poca attrezzatura ve le consiglio. 
Ecco alcuni modelli meritevoli d’acquisto.

Fotografia di viaggio e velocità.

Vi ho parlato anche di questo elemento che ritengo fondamentale per la fotografia di viaggio, ecco quindi che introduco un accessorio che quasi tutti i fotografi dovrebbero avere: il peak design.

Basta un video per presentarlo.

Emanuele Brilli

Mi chiamo Emanuele, sono appassionato al mondo della fotografia e della postproduzione. In questo blog voglio condividere il mio sapere con coloro che hanno curiosità e voglia di imparare qualcosa di nuovo.

Potrebbero interessarti

3 Commenti

  1. Post veramente interessante, ho una domanda da farti. Domenica andrò al Romics e vorrei capire quale sia il migliore obiettivo da usare. Io ne ho tre:

    18-55 mm

    50 mm focale fissa

    70-300 mm (qualcuno mi ha detto di usare anche questo per fare foto particolari)

    Secondo te quale è il migliore per quel tipo di fotografia ?

    1. Ciao, il 50mm è d’obbligo, anche il 70-300 può essere interessante per fare dei primi piani spinti. Dipende anche dal corpo macchina che usi (se DX ricordati del fattore di moltiplicazione).

      Se invece sei appassionato di ritratti ambientati col 50mm (su DX) devi fare qualche passetto indietro e forse un 18-55 ti rende più versatile, ma le foto qualitativamente saranno peggiori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button