FotografiaGuide e tutorial

Come fotografare i fuochi d’artificio

Ci siamo. I fuochi d’artificio saranno parte delle nostre festività e ci accompagneranno nel 2017. Come possiamo sfruttare il momento per immortalarli al meglio?

Cogli l’attimo !

Fuochi d'artificio
Foto di Anuchit นายบันทึก

A differenza di qualsiasi altro soggetto (o tipo di fotografia) i fuochi d’artificio oltre ad essere in veloce movimento si trasformano in base all’esplosione e alla loro fabbricazione. Quindi quando si deve scattare per immortalare lo spettacolo pirotecnico nel migliore dei modi?

Purtroppo scattando troppo presto si rischia di non avere nulla se non il cielo nero e probabilmente la strisciata del fuoco che sale in cielo; al contrario, se si scatta in ritardo il fuoco potrebbe essersi già spento.

Il momento migliore potrebbe essere nell’istante dello scoppio, infatti con dei tempi leggermente dilatati possiamo immortalare lo scoppio ed il seguito.

i fuochi d’artificio e pillole di composizione.

il consiglio è quello di trovare una zona abbastanza libera per poter operare senza fretta ed in sicurezza.
Includere nella foto solo lo spettacolo pirotecnico è un po’ banale, cerchiamo invece di includere anche porzioni di paesaggio. Cerchiamo dunque di contestualizzare i fuochi d’artificio, per quanto belli altrimenti non susciteranno interesse e stupore nell’osservatore.

Attrezzatura.

Il treppiede è obbligatorio. Non mi stancherò mai di consigliarne l’acquisto a chiunque si avvicini alla fotografia. Come sempre la stabilità dello stesso sarà necessaria per tenere il più ferma possibile la macchina fotografica. Senza dilungarmi troppo i consigli per gli acquisti li trovate sotto; ovviamente i consigli sono per le varie “tasche”, certamente i più costosi offriranno maggior qualità.

Un telecomando di scatto remoto è altro oggetto indispensabile! Questo perchè ci eviterà di premere il pulsante di scatto e creare vibrazioni visto che lavoreremo con tempi dilatati.

Come si scatta?

Fuochi d'artificio
Foto di Dalia Al Ameen

Dopo aver posizionato la macchina sul treppiedi, montato il telecomando di scatto remoto ed aver composto la nostra immagine passiamo ad analizzare la scena. Molto del nostro risultato dipenderà dalla luminosità dei fuochi d’artificio. Purtroppo questo valore tende ad essere diverso, anche molto diverso, da fuoco fuoco.

In generale diciamo che valori di scatto che si aggirano attorno ai seguenti sono idonei. Purtroppo però non sono un mago e dovrete sistemare voi i valori in base alla scena in quanto le situazioni possono essere diverse !

Il diaframma più adatto a queste situazioni potrebbe variare tra f/8 e f/11. Giustamente stiamo facendo foto di paesaggistica concentrandoci sui fuochi, ma sempre di paesaggio si tratta. La profondità di campo necessaria deve essere elevata e dobbiamo avere molta scena a fuoco. Evitate sempre valori di diaframma troppo chiusi (f/22 ad esempio), per due semplicissimi motivi:

  • I fuochi sono fatti di buio, quindi non avreste chance  di ottenere risultati corretti dal punto di vista dell’esposizione.
  • Si creerebbe diffrazione.

I tempi di scatto devono essere dilatati. Provate con valori nell’ordine dei 4-5 secondi se si vuole catturare solo l’esplosione del fuoco, la classica palla colorata. Valori più elevati invece consentiranno di immortalare le strisciate.

Valori di ISO variabili in base alla scena, ma cerchiamo di tenere tale parametro, come al solito, il più basso possibile.

come fotografare i fuochi d'artificio

Considerazioni personali su come fotografare i fuochi d’artificio…

Spesso si legge, e si consiglia la cosiddetta tecnica del cappello. Personalmente la ritengo una vera cavolata, con la motivazione principale legata al rumore digitale. Più sarà lunga l’esposizione maggiore rumore da lunga esposizione si accumula!

Emanuele Brilli

Mi chiamo Emanuele, sono appassionato al mondo della fotografia e della postproduzione. In questo blog voglio condividere il mio sapere con coloro che hanno curiosità e voglia di imparare qualcosa di nuovo.

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button