Home » Photoshop » Fotoritocco » Dreamy effect, gioco di luci e colori

Dreamy effect, gioco di luci e colori

Dreamy effect… ottimo per i ritratti

il Dreamy effect è un effetto molto carino da applicare alle foto dei nostri ritratti.

Questo effetto lavora moltissimo sulle variazioni del colore, ma non solo, infatti si agisce anche sul bokeh e sulla luce.

La prima operazione da fare è creare un flare tramite l’uso dell’apposito filtro (riflesso lente). Questo filtro generalmente viene realizzato su livelli grigi al 50%, ma non è sbagliato applicarlo su livelli neri e poi fonderli col metodo di fusione scherma lineare (aggiungi).

In seconda battuta si passa alla creazione di un bokeh grazie alle opzioni impostabili dello strumento pennello. La scelta del colore è puramente personale, tuttavia per questo tipo di effetto colori ocra o gialli si addicono alla perfezione. Anche qui il metodo di fusione è fondamentale, infatti si dovrà cambiare da normale a sovrapponi, o eventualmente luce soffusa.

Si creano poi due livelli di tinta unita, uno di colorazione viola che avrà come metodo di fusione scherma lineare (aggiungi); il secondo invece dovrà avere una colorazione giallo limone che si accosta perfettamente al primo.

Dreamy effect modella

Per concludere si dovrà aggiungere una sfumatura lineare con una scala di 150 che avrà una colorazione che va da marroncino a trasparente. Anche questo livello dovrà avere come metodo di fusione un sovrapponi od eventualmente luce soffusa.

Attenzione alla pesantezza

Così come per tutte le modifiche fatte in Photoshop si deve prestare molta attenzione alla pesantezza delle regolazioni. Ogni passaggio è necessario verificare la possibilità di abbassare l’opacità della modifica stessa per rendere l’effetto meno pesante.

una volta creato il mood desiderato possiamo raccogliere tutto in una cartella, ed ancora verificare se il livello dell’opacità ci piace o meno. Se l’effetto dovesse risultare ancora troppo forte baserà calare il livello della stessa. In questo modo il calo dell’opacità agisce su tutto l’effetto e non sulla singola modifica.

Emanuele Brilli

Mi chiamo Emanuele, sono appassionato al mondo della fotografia e della postproduzione. In questo blog voglio condividere il mio sapere con coloro che hanno curiosità e voglia di imparare qualcosa di nuovo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.