FotografiaGuide e tutorial

Come fotografare di notte in assenza di luce

Fotografare di notte ci è capitato a tutti, e le condizioni non sono sicuramente delle migliori! Se fotografia e luce sono un binomio inscindibile, di mezzo qua, abbiamo l’oscurità della notte.

Come si possono ottenere scatti d’effetto di notte?

Le regole d’oro per scattare di notte sono poche, ma prima di elencarle è necessario aver ben chiaro in testa il triangolo dell’esposizione. Dando dunque per scontati concetti come ISO, diaframma e tempi di scatto ci serve sapere che di notte gli ISO sono nostri “amici”. Ma allo stesso tempo giocare con tempi lunghi e diaframmi aperti ci permette di acquisire molta più luce per il nostro sensore.

Alza gli ISO.

Fotografare di notte = alzare gli ISO. Peccato però che non tutte le macchine fotografiche sopportano allo stesso modo iso alti. Fortunato chi possiede macchine fotografiche di ultima generazione, o meglio ancora Full Frame nuove di pacca.

fotografare di notte

Trovare il giusto compromesso ci permetterà di ottenere foto con esposizioni migliori, ma con rumore digitale contenuto. Non esiste una leggeper fotografare di notte devi scattare ad ISO 400”, NO! Impara a leggere la scena, ogni situazione necessita di suoi valori, e qua l’esposimetro ti aiuta.

Apri il diaframma.

Se la profondità di campo non è un problema, e quindi non ti interessa avere una bella scena a fuoco, o meglio ancora te ne strafreghi dell’iperfocale, apri il diaframma. Questo ti permetterà di far entrare più luce nella macchina fotografica. Il classico esempio delle foto alla via lattea che richiede diaframmi molto aperti e quindi l’acquisto di grandangoli luminosi ne è la prova.

Gioca con i tempi.

Per fotografare di notte si deve porre attenzione anche ai tempi di scatto.  È strettamente necessario capire il tipo di effetto che si vorrà ottenere e poi scegliere se il settaggio della macchina per lunghe esposizioni è quella giusto.

Le regole d’oro per fotografare di notte.

Non c’è molto da sapere, e poi personalmente sono della scuola poche chiacchiere, meno teoria e tanti scatti.

  • Leggi la scena ed immagina la foto come la vorresti.
  • Attenzione al triangolo dell’esposizione, regola i fattori per catturare più luce e risolvere il problema dell’assenza di luce.
  • Fai attenzione al bilanciamento del bianco, se non lavori in post produzione il settaggio dovrai farlo on camera.

Due aiuti che fanno al caso nostro.

Per scattare in notturna l’uso di flash e treppiedi sono sicuramente consigliati, tuttavia, la regola numero uno parla chiaro: Leggi la scena ed immagina la foto come la vorresti”, dunque possiamo evitare l’uso di un flash? Ne possiamo fare a meno di un cavalletto (magari è sufficiente solo l’uso di un monopiede)?

Se la risposta è negativa allora l’uso è altamente consigliato (ad esempio per foto di paesaggio in notturna e per lunghe esposizioni, ma ancora ritratti in notturna con luce flash ecc.).

Emanuele Brilli

Mi chiamo Emanuele, sono appassionato al mondo della fotografia e della postproduzione. In questo blog voglio condividere il mio sapere con coloro che hanno curiosità e voglia di imparare qualcosa di nuovo.

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Guarda anche
Close
Back to top button