Home » Photoshop » Fotoritocco » Come fare una fotografia in HDR

Come fare una fotografia in HDR

Cos’è un HDR ?

La sigla HDR indica la dicitura High Dynamic Range, ovverosia letteralmente in italiano alta gamma dinamica.

L’uso di questa tecnica è mirato soprattutto alla corretta gestione della luce in fotografia, tuttavia spesso si notano degli effetti artistici legati a questa tecnica.
L’uso di una gamma dinamica più ampia permette di ottenere una corretta esposizione delle alte luci e delle zone di ombra. Ecco quindi che eventuali zone bruciate e chiuse nei neri alla fine saranno perfettamente bilanciate.

Ovviamente la gamma dinamica più ampia è figlia di un artificio digitale, cioè di un montaggio di più fotografie diverse.

Come si ottiene una foto in HDR ?

Ci sono miriadi di modi per ottenere una foto in HDR. Con questo video di circa 60 minuti è possibile ottenere una formazione completa di come realizzare un HDR con Photoshop.

Se invece vuoi prendere una scorciatoia e realizzare HDR in modo semplice e veloce ti consiglio di vedere questo video.

Come ho detto i metodi sono tantissimi, infatti è possibile usare anche un plugin che semplifica le cose: HDR efex pro della Google Nik Collection.

L’approccio fotografico…

Come in tutti i processi di post produzione la fase di scatto deve essere fatta egregiamente.
L’attrezzatura necessaria per fare questo tipo di fotografia:

Una volta posizionata la fotocamera sul treppiede, e aver messo a punto la composizione, si procederà a mettere a fuoco la scena.
Fatto ciò spostiamoci sul fuoco manuale per poi scattare, usando il telecomando di scatto, almeno tre fotografie con esposizioni differenti.

Come fare una fotografia in HDR

Tutto questo vale per chi NON ha la funziona bracketing sulla propria fotocamera.

Se la propria reflex dotata della funzione bracketing (BKT) sarà sufficiente attivarla e scattare, anche qui, almeno tre fotografie ad esposizioni diverse.

Generalmente si usa un BKT di -1,0,+1, cioè si scattano tre foto con esposizione -1,0 e +1. In tal caso non è necessario spostare il fuoco da automatico a manuale in quanto la fotocamera provvederà da sola a scattare, in successione, le tre foto necessarie.

Nel primo caso invece, dovendo noi cambiare l’esposizione, si devono fare tre scatti sconnessi (ecco perchè prima di deve mettere il fuoco manuale).

Alcuni fotografi spesso usando anche bracketing a cinque o anche nove foto. La differenza fra questi scatti può arrivare anche a tre stop +/- !

Missione creatività !

Spesso questo tipo di tecnica viene usata per immortalare luoghi abbandonati. Oltre a regolare perfettamente le zone di luce ed ombra, quando si creano effetti più “spinti”, con tale tecnica, si vengono a creare dei risultati molto carini e perfetti per certe location.

Questa tecnica è spesso utilizzata anche per le fotografie d’interno. Infatti le stanze sono sempre meno illuminate rispetto all’ambiente esterno. Per evitare di bruciare la luce che passa dalle finestre l’uso dell HDR è fondamentale.

Emanuele Brilli

Mi chiamo Emanuele, sono appassionato al mondo della fotografia e della postproduzione. In questo blog voglio condividere il mio sapere con coloro che hanno curiosità e voglia di imparare qualcosa di nuovo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.