Home » Fotografia » Come fare le foto con lo sfondo sfocato

Come fare le foto con lo sfondo sfocato

Se vuoi fare delle foto con lo sfondo sfocato allora questo articolo ti aiuterà a capire come fare in pochissimi passaggi.

Fare foto con lo sfondo sfocato è semplice?

La risposta è si! Innanzitutto l’effetto in questione viene chiamato anche bokeh (dal giapponese), cioè sfocando lo sfondo retrostante il nostro soggetto riusciamo a creare uno stacco netto tra elementi sulla scena e persona fotografata.

Spesso si associa questo effetto ad un aspetto professionale della fotografia, e quindi anche a maggior esperienza del fotografo anche se esistono scuole di pensiero opposte che sostengono totalmente l’opposto.

I benefici dello sfondo sfocato.

Come detto l’effetto bokeh nelle foto permette di ottenere numerosi vantaggi in termini d’impatto visivo per l’osservatore:

  • staccare il soggetto dallo sfondo;
  • aumentare i contrasti dei colori;
  • dare un senso di profondità alla foto;
  • attenuare i dettagli in foto che vogliamo rendere più soavi;
  • nascondere elementi di disturbo

Cosa devo fare per fare lo sfondo sfocato?

La prima cosa che dovresti fare è comprare un’ottima lente che sia assai luminosa, ma sappiate fin da subito che l’effetto bokeh NON SI OTTIENE SOLO CON LENTI LUMINOSE.

In base alle vostre necessità vi straconsiglio la serie art della Sigma; sono lenti costose ma la qualità è immensa!

Vediamo cosa determina l’effetto sfocato nelle fotografie.

1. Apertura del diaframma.

L’apertura del diaframma dipende dal tipo di lente che avete montato sulla vostra macchina fotografica. Più tendiamo ad aprire il diaframma (volori di f più bassi), maggiore sarà l’effetto sfocato.

Questo schema può aiutarti a capire la differenza tra i vari valori di diaframma. Il funzionamento è identico all’occhio umano, infatti, quando si usa il collirio per dilatare la pupilla tendiamo a vedere gli oggetti sfocati.

come sfocare lo sfondo nelle fotografie

Ogni lente ha una sua apertura massima, tuttavia diffida da chi dice che per ottenere uno sfocato bello bisogna raggiungere valori di diaframma 2.8 o inferiore, semplicemente perchè il diaframma NON è l’unico fattore da tenere in considerazione!

apertrura diaframma sfondo sfocato

2. La lunghezza focale

Altro elemento importantissimo è la lunghezza focale infatti essa, assieme al diaframma, va ad incidere sulla profondità di campo.

Più aumentiamo la lunghezza focale minore sarà la profondità di campo e quindi i piani di messa a fuoco si andranno a restringere sempre di più aumentando l’effetto bokeh.

Provare per credere! A parità di apertura del diaframma, distanza dal soggetto e grandezza del sensore ecco il risultato a focale 35 mm e 50 mm.

3. La distanza dal soggetto.

Il terzo, ma non ultimo, fattore che va ad incidere sullo sfondo sfocato in una foto è la distanza dal soggetto. Più il fotografo si avvicina ad un soggetto maggiore sarà lo sfocato, viceversa se si allontana.

come fare uno sfondo sfocato

4. La grandezza del sensore.

Ecco una delle principali differenze tra macchine fotografiche, infatti la grandezza del sensore oltre ad incidere sulla resistenza ad alti ISO determina l’effetto sfocato nelle nostre fotografie.

Un sensore micro 4/3 tenderà a riportare meno questo effetto rispetto ad uno APS-C o uno FF. Ecco perchè ti consiglio di non curare solo l’aspetto lente, ma anche gli altri punti analizzati nell’articolo.

Se poi vuoi approfondire l’argomentazione legata ai sensori delle macchine fotografiche leggi questo articolo sul fattore di crop.

Emanuele Brilli

Mi chiamo Emanuele, sono appassionato al mondo della fotografia e della postproduzione. In questo blog voglio condividere il mio sapere con coloro che hanno curiosità e voglia di imparare qualcosa di nuovo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.