Home » Fotografia » Come affrontare le critiche fotografiche

Come affrontare le critiche fotografiche

Io sono della scuola di pensiero del “se non hai qualcosa di interessante o costruttivo da dire, forse è meglio tacere”. Purtroppo non tutti la pensano così ed ecco perchè le critiche fotografiche piovono a fiumi.

Impara ad accettare le critiche fotografiche.

L’arte è soggettiva, di conseguenza la fotografia è soggettiva e questo è innegabile. Ma è proprio giusto piegarsi alle critiche delle persone? Potremmo mai soddisfare tutti gli osservatori?

Purtroppo no, in entrambi i casi non dobbiamo piegarci alle critiche se non formative o comunque mirate a migliorare la fotografia; allo stesso modo non potremmo mai accontentare tutti in quanto l’arte è soggettiva.

Se impariamo a governare e soprattutto filtrare le critiche, ed i canali da cui derivano, potremmo beneficiare di uno strumento importantissimo in questo campo: il confronto.

L’importanza delle idee.

Chiedere un commento dei nostri lavori, o anche solo farli vedere per ricevere un feedback è utile. Il perchè è abbastanza ovvio, infatti, praticando un arte visiva se riusciamo a coinvolgere proattivamente più persone possibile avremo raggiunto il nostro obiettivo: farci conoscere e far interessare le persone al nostro operato.

Tuttavia le critiche fotografiche possono sfociare in svariate categorie positive o negative.

Per prima cosa dovremmo chiederci cosa sta dietro le critiche che riceviamo, ovverosia, le persone che commentano vogliono davvero aiutarci o hanno altri fini?

Osserviamo le nostre foto più volte, anche a distanza di tempo per vedere come il nostro lavoro è mutato; nel fare ciò cerchiamo di capire se le critiche fotografiche che abbiamo ricevuto hanno un senso oppure no.

Le critiche servono a crescere!

Scattare una foto, post produrla e poi caricarla sui nostri profili social spesso può essere deleterio, o meglio, fare questo processo per tutte le foto è assai sbagliato!

critiche fotografiche

Si deve sempre pubblicare quello che per noi è il TOP, magari facendosi consigliare anche da amici o conoscenti. È altresì vero che limitarsi ai conoscenti purtroppo non è di grande aiuto perchè spesso quest’ultimi possono limitarsi nei consigli o non essere proprio sinceri.

In questa diretta ho provato a dare alcuni consigli su come emergere e come fare anche a creare interesse nei nostri osservatori.

Se la discussione va sul piano personale.

Se dalle critiche fotografiche si passa ad offese o commenti spinti è il caso di lasciar perdere e guardare altrove! È sufficiente cambiare il gruppo facebook in cui pubblichiamo le nostre foto, o magari cambiare fotoclub ecc.

La fotografia in primis deve essere divertimento, poi hobby ed infine, forse, un lavoro.

Emanuele Brilli

Mi chiamo Emanuele, sono appassionato al mondo della fotografia e della postproduzione. In questo blog voglio condividere il mio sapere con coloro che hanno curiosità e voglia di imparare qualcosa di nuovo.

2 commenti

  1. Bravo Emanuele, sempre equilibrato nei consigli e nei modi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.