Home » Photoshop » Fotoritocco del volto » Aumentare la nitidezza nei ritratti

Aumentare la nitidezza nei ritratti

Con questo video vediamo come aumentare la nitidezza nei ritratti. Ecco come nella stragrande maggioranza dei casi lavoro io.

Aumentare la nitidezza, metodo 1: maschera di contrasto.

Possiamo utilizzare la maschera di contrasto per agire direttamente su tutta la fotografia aggiungendo quindi nitidezza su tutta la superficie. Agendo correttamente sui tre valori del filtro: fattore, raggio e soglia, possiamo ottenere effetti completamente diversi.

Essendo questo un filtro che agisce sulla differenza di contrasto dei vari pixel, si cercherà quindi di estrarre nitidezza lavorando appunto sul contrasto dei bordi della fotografia. Come possiamo vedere l’applicazione di questo filtro andrà su tutta la foto, quindi il mio consiglio è applicarlo in accoppiata con una maschera.

Aumentare la nitidezza, metodo 1: accentua passaggio.

Non è sicuramente il metodo migliore per aggiungere nitidezza nei ritratti. Questo metodo si adatta molto di più ad altri tipi di fotografia, come ad esempio il paesaggio, in quanto tale filtro, assieme ai metodi di fusione luce soffusa o sovrapponi (i due che consiglio), tende ad aumentare si la nitidezza, ma anche il contrasto della fotografia in base al raggio che andiamo a dare al filtro!

Aumentare la nitidezza, metodo 1: i canali RGB.

Questo è il miglior metodo esistente per poter aumentare la nitidezza dei nostri ritratti in quanto possiamo, senz’ombra di dubbio, agire su zone predefinite che ci fornisce photoshop grazie ai canali RGB. Nel 99% dei casi la nitidezza deve essere applicata al canale del rosso in quanto questo ci permetterà di evitare la fuoriuscita di difetti, ma in realtà per risaltare qualche “difetto” (ad esempio le lentiggini di una modella), possiamo applicare la nitidezza anche al canale del blu (quello che contiene la maggior parte dei difetti), e del verde.

Vi consiglio di fare sempre un duplicato del livello per evitare di dover fare passi indietro nella storia lavorazione; questo ci consentirà di avere un workflow più ordinato e corretto.

Emanuele Brilli

Emanuele Brilli
Mi chiamo Emanuele, sono appassionato al mondo della fotografia e della postproduzione. In questo blog voglio condividere il mio sapere con coloro che hanno curiosità e voglia di imparare qualcosa di nuovo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*